enitru

Degustazione Mario Schiopetto

logo-mario-schiopettoBuonasera a tutti,

 

Dopo la parentesi dedicata alla Puglia che per tutta la settimana ci ha dato la possibilità di conoscere alcuni prodotti di eccellenza vinicoli e oleari (e per questo gli facciamo i nostri complimenti), passiamo alla nostra giornata dedicata all’azienda ospite di turno.

Non vi nascondo che aspettavo con ansia questa degustazione perché per me è un vecchio amore che ritorna e ritorna alla grande. Sì perché ero un ragazzotto quando l’azienda “Mario Schiopetto” di Capriva del Friuli era una delle aziende più richieste per l’alta qualità dei suoi vini ma che avendo poca produzione la rendeva molto di nicchia, praticamente solo pochi fortunati. Mario, che prima di essere un produttore era un appassionato del vino e soprattutto del territorio, ha costruito tutto il suo mondo basandosi su ferme convinzioni cioè unicità, territorialità e personalità e di questo ne ha fatto una sua filosofia di vita. Infatti è stato uno dei pionieri della produzione di vini moderni nel Friuli e il Tocai ne è stato uno dei primi, senza però mai dimenticare il territorio da cui provenivano.

È l’inventore della bottiglia poi chiamata la “Renana di Schiopetto”  e dell’etichetta color “Giallo Schiopetto”, così definite da Luigi Veronelli, che ancora oggi le rendono facilmente riconoscibili sugli scaffali. Se tutto questo non bastasse, per far capire il personaggio, aggiungo che è stato lui stesso a disegnare la cantina e anche qui, per rafforzare la sua filosofia, oggi è una delle poche in Italia totalmente circondata dai suoi vigneti .

Prima l’ho definito un amore che ritorna perché dopo qualche anno di smarrimento dove i vini si erano persi seguendo più il mercato che la filosofia del suo fondatore, oggi la nuova proprietà in maniera molto intelligente ha riportato in vita tutte le sue idee ed è ritornata a produrre vini di alta qualità e molto rispettosi del territorio.

I vini che degusteremo saranno quattro, chiaramente tre bianchi (siamo in Friuli) e un rosso:

 

 

“Malvasia” Istriana Collio doc Cru di Capriva

“Sauvignon” Collio doc   Cru di Capriva

“Friulano” Collio doc  Cru di Capriva

“Rivarossa” Rosso Venezia Giulia igt Cru di Oleis (90% Merlot e 10% Cabernet Sauvignon) 14 mesi Barrique

 

 

Bene, sono felice di questa degustazione perché darà modo a chi non conosce questa storica azienda di capire ciò che il produttore voleva trasmettere agli appassionati del vino nelle sue bottiglie.

Vi aspetto tutti come al solito

Sabato 16 novembre dalle 11.30 fino a chiusura 19.30

Si avvisano le aziende che alcuni truffatori, spacciandosi per la nostra azienda, effettuano ordini che poi non pagano regolarmente. Verificate la veridicità dell'ordine prima di evaderlo.